10201629747936549
casa

Acqua del condizionatore: come utilizzarla

Non si può bere, ma …Tutti ci siamo chiesti, prima o poi, cosa fare dell’acqua del condizionatore, soprattutto in giornate torride nelle quali l’apparecchio produce litri e litri di acqua che quasi sempre raccogliamo in contenitori per poi svuotarla nel wc.
Un giusto senso dell’evitare sprechi, una sensibilità più forte verso il rispetto dell’ambiente, soprattutto quando leggiamo di zone del pianeta perseguitate perennemente dalla siccità, il rispetto verso l’elemento base della nostra vita, ci impongono di cercare delle soluzioni, anche perché spesso partendo dalle cose piccole si possono fare cose importanti nel concreto.
L’ acqua che esce dai condizionatori è acqua demineralizzata. Ovviamente non si può bere.
Possiamo usarla per il ferro da stiro. Proteggeremo il ferro, data la mancanza di calcare, e risparmieremo, cioè non dovremo comprare l’acqua demineralizzata al supermercato. Possiamo poi utilizzare quest’acqua per lavare i capi più delicati, dopo averla filtrata anche se sarà batteriologicamente pura se avremo pulito i filtri del condizionatore.
Ancora nelle pulizie domestiche usandola in uno spruzzino, aggiungendo un po’ di sapone di marsiglia liquido o dell’aceto (ottimo mix per i vetri). Quest’acqua va bene per pulire i rubinetti di bagno e cucina (sempre con un goccio d’aceto).
Nell’auto si può mettere nel piccolo serbatoio del lavavetri.
Per le piante l’acqua del condizionatore non è invece adatta proprio perché priva di quelle sostanze che ne sono il nutrimento. Tuttavia se sciogliamo qualche misurino del concime chimico liquido che abbiamo sempre a portata di mano, ecco che il problema è risolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *