10201629747936549
Lettere

In ascensore – Galateo secondo Ester

Se c’è qualcuna che, almeno una volta nella vita, non si è trovata in imbarazzo in un ascensore, alzi la mano.

Lo usiamo per pochi minuti, ma in quel microcosmo troviamo molte delle situazioni critiche che incontriamo nella vita.

Saluto o non saluto? Un buongiorno con un sorriso non costa nulla e il casuale compagno di ascensore non ha colpe se avete preso una multa per sosta vietata e la giornata è partita male. Evitate “salve”.
Dico due parole o sto zitta? Non sottovalutiamo le frasi di circostanza: anche le frasi tipo come “che tempaccio”,”che caldo-che freddo”, “non ci sono più le mezze stagioni”, ecc hanno un senso. Non tanto per il contenuto, quanto per il tono. Una frase “tipo” rappresenta pur sempre un momento di apertura nei confronti del prossimo: lasciate che sia l’altro a dimostrarsi chiuso o aperto. Sempre meglio che ignorare il momentaneo compagno di viaggio. Se poi state usando l’ascensore di casa vostra potete utilizzare l’occasione per sentire, almeno, la voce di quel vostro vicino di cui ignorate persino il cognome. .
Mai dare le spalle, a meno che siate in uno di quegli ascensori che trasportano 20 persone alla volta. Ugualmente, evitate di fissare una persona.
Se siete già dentro e vi accorgete che sta arrivando qualcuno, tenete la porta aperta e aspettatelo. Nessuno è mai arrivato in ritardo a causa dell’ascensore.
Se ci sono persone anziane, una donna incinta, date loro la precedenza.
Se si è in compagnia, evitare di parlare di questioni personali in presenza di altri
L’ultimo che sale chiede a che piano sono diretti gli altri.
Con il vostro cane, meglio aspettare l’ascensore successivo. Anche se l’animale non da fastidio, meglio evitare situazioni spiacevoli.
Lo stesso vale se si trasportano pacchi o borse della spesa.
Non parlate al cellulare in ascensore. Aspettate di terminare la chiamata o interrompetela.
In conclusione, non trascurate i vostri incontri in ascensore. Quasi sempre, quando lo usate, siete nel vostro palazzo o nel vostro ufficio, quindi con tutta probabilità incontrerete le stesse persone più volte nell’arco della settimana. E questa è già una buona ragione per non considerarle semplicemente degli estranei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *