10201629747936549
Lettere

Posate: come usarle in un pranzo formale.

Buone maniere a tavola: come usare le posate in un pranzo formale. Suggerimenti ed errori.

Capita a volte di dover partecipare ad un pranzo formale, magari per lavoro: si creano situazioni nelle quali spesso ci si trova impreparati a maneggiare posate e bicchieri. Proviamo a districarci in una materia che può essere fonte di imbarazzo e di disagio e che se invece impariamo a conoscere ci può permettere maggiore disinvoltura.

Innanzitutto il numero delle posate corrisponderà al numero dei piatti (portate): in ogni caso non più di tre coltelli e tre forchette. Vanno usate dall’esterno verso l’interno. Durante il pranzo una cosa assolutamente da evitare é gesticolare mentre si parla impugnando minacciosamente coltelli e forchette. Va sempre ricordato, a scanso di equivoci, che la forchetta si impugna con la mano sinistra, il coltello con la destra.

Quando si deve bere, e  occorrono quindi le mani libere, due gli errori in agguato: non appoggiare le posate sulla tovaglia e non appoggiarle sul bordo del piatto. In quest’ultimo caso potrebbero scivolare e macchiare la tovaglia, nel primo caso la macchia è invece una certezza.

Appoggiamole invece nel piatto con le punte che si toccano fra loro.

Al termine le posate vanno invece lasciate affiancate dentro il piatto sul lato destro.

Per il coltello un gesto gravissimo che può farvi fare una figuraccia è quello di portare, magari senza accorgervi, il coltello alla bocca!!! Altra abitudine non prevista dalle buone maniere è quella di tagliare la carne in tanti pezzetti da allineare nel piatto prima di procedere. Non siete bambini: ogni boccone va tagliato solo al momento. Le dimensioni del boccone siano contenute.

Troviamo il cucchiaio solo se nel menu ci sono minestre in brodo. Il cucchiaio può essere fonte di una serie di guai come sgocciolamenti o macchie. Evitate di riempirlo troppo e portatelo alla bocca senza soffiarci sopra per raffreddare il brodo e senza aspirare sibilando e gorgogliando.

Non utilizzate mai il cucchiaio per mangiare gli spaghetti o le tagliatelle. Sarà pure comodo ma non è elegante.

La forchetta si impugna come una forchetta, non come una pala, bastano pollice e indice.

Per i cucchiai da dessert una sola raccomandazione: alla fine non abbandonateli sulla tovaglia che avrà resistito fino a quel momento ai vostri tentativi di macchiarla, ma posateli nel piattino.

Abbiamo elencato alcuni piccoli dettagli che possono permettervi di sentirvi più sicuri se vi trovate in un contesto formale nel quale il vostro obiettivo è un altro, solitamente importante, che non potete rischiare di compromettere per alcuni piccoli gesti.

Buon appetito!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *