10201629747936549
Nuova era

Igor Sibaldi e la tecnica dei 101 desideri

Igor Sibaldi è uno scrittore e saggista. Nato da madre russa e da padre italiano, Sibaldi  è uno studioso di teologia e storia delle religioni; autore di numerose opere sulle sacre scritture, sciamanesimo, mitologia, esegesi e psicologia del profondo. Si è occupato di angelologia, equiparandola ad una forma di psicologia. Traduttore di numerose opere (Tolstoj).

Scrive numerosi libri e tiene conferenze in tutte le città d’Italia. In particolare, si può trovare la conferenza sugli “Spiriti Guida” . I maestri invisibili, dove narra la sua personale esplorazioni “dei miti e dei terrori dell’aldilà”. Sibaldi si dedica ai vari argomenti, quali angelologia, cabala, ma diventa famoso per la diffusione di una antica tecnica rivista e riproposta. La tecnica dei 101 desideri. Ecco di cosa si tratta.

Igor e la tecnica dei 101 desideri

Un gioco psicologico, si parla di desideri da realizzare, si ma quali? Cosa si vuole ottenere? Perché questo esercizio? Ecco di seguito qualche dettaglio.

Come funziona?

La tecnica nasce dalla famosa Legge dell’attrazione (low of attaction), una psico-filosofia che si rifà ai miti della new age americana, con i movimenti psico-sette-para-religiose. Quindi, legge dell’attrazione unità all’azione.

La teoria, tutta da verificare, insinua che, ripetendo tutti i giorni i nostri desideri mentalmente, questi si realizzano.

Qualcuno la chiama magia, qualcun altro focalizzazione, fate un po’ voi.

Ecco la descrizione della tecnica di Igor Sibaldi. Bisogna procurarsi due quaderni: uno per la brutta copia e no per la bella. Sul quaderno di brutta, scrivete 150 desideri che vorreste realizzare. Numerateli.  Seguite le 10 regole per l’esecuzione del compito:

Usare “io voglio…” all’inizio di ogni desiderio.

Usare solo frasi positive. Il cervello non registra la negazione. Io voglio va bene, io non voglio …no.

Massimo 14 parole incluso io voglio.

Niente desideri di amore, sono rischiosi.

Niente paragoni. Non desiderare il desiderio altrui.

No a desideri seriali. 10 case 10 collane… no.

Non chiedete soldi. Chiedete ciò che desiderate realizzare con i denari.

Non chiedete per altri. Ognuno per se.

Evitare i diminutivi. Esempio: una casettina al mare

Scrivere solo desideri verificabili. Concrete.

Una volta completata la lista, cosa peraltro non facile, perché 150 sono davvero tanti, selezionatene 101 lasciando uno spazio tra l’uno e l’altro, spazio che serve per modificare il desiderio o sostituirlo quando si realizza.

Bisogna leggere l’intero elenco ogni mattino. Porterà via pochi minuti, pochi ma essenziali.

Lo scopo del gioco?

Non saprei, forse realizzare i desideri, forse scoprire cosa davvero vogliamo. Un gioco comunque divertente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *