10201629747936549
Ricette

La cena in piedi sembra facile!

Capita, magari d’estate e se si dispone di un terrazzinobuono per la cena o di un piccolo spazio esterno, di voler invitare tante persone per fare un po’ di allegria, sentire musica e, ovviamente, mangiare.

Perché la serata sia divertente, rilassante, permetta di socializzare in una atmosfera non formale, occorre una organizzazione precisa. Pensateci prima e potrete concentrarvi sulle portate e sui vostri ospiti.

Le prime domande a cui rispondere sono:

Quanti sono gli invitati?
Quanti tavoli e posti a sedere mi servono?
Sì, pensate ai posti a sedere, sedie, divani, sgabelli, puff, a meno che invitiate dei polipi con sufficienti tentacoli per tenere tutto in mano in precario equilibrio.

CENA IN PIEDI – BUFFET

Tavoli:
I tavoli serviranno per disporre il buffet, per le stoviglie e le posate, per le bevande. Se potete, preparatene più d’uno per evitare l’effetto coda in mensa. Al tavolo delle bevande meglio se c’è una persona che stappa, apre, versa e provvede a rifornire gli ospiti. Il fai da te può andare, ma di solito genera un po’ di confusione.

A meno che non abbiate a disposizione un salone così grande da consentire di porre il tavolo nel mezzo, posizionate i tavoli lungo le pareti. Copriteli con tovaglie, anche di carta ma uguali (danno una impressione di ordine e di cura).
E poi, posti a sedere da dislocare in ogni dove per facilitare le chiacchierate ed evitare rovesciamenti vari.

Piatti:
Se ne avete a sufficienza usate quelli “veri”. Si trovano servizi divertenti e a buon prezzo: danno un tocco di cura e sono indispensabili se pensate di servire qualcosa di caldo. E poi non si piegano. Mettete in conto di romperne qualcuno, naturalmente.

CENA A BUFFET2

Bicchieri:
Vale quanto detto per i piatti. Disponete su un tavolo molti bicchieri a stelo, di non eccessive dimensioni. Per l’acqua o altre bevande per chi non beve vino, scegliete bicchieri senza stelo, di media robustezza, lisci.

Posate:
In inox in gran quantità su un tavolo da cui gli ospiti possano prenderle quando serve.

La plastica no, ma mettete ugualmente a disposizione un po’ di piatti e di bicchieri di plastica: verranno buoni e gli ospiti se ne serviranno da soli.

Tovaglioli:
Di carta, sicuramente. Non siate sbrigative nella scelta: si trovano bicchieri di plastica (o carta) e tovaglioli molto divertenti e colorati. Fanno la loro figura, credetemi!

Aperitivo di benvenuto:
E’ un impegno non da poco, ma mette subito gli ospiti a proprio agio. Chi entra deve poter avere a portata di mano un bicchiere con un aperitivo. Quindi prevedete bicchieri per tutti, che poi andranno ritirati.

Champagne:
Al momento giusto fate servire ad un tavolo lo champagne con le obbligatorie flutes.

Personale di servizio:
Certo se potete permettervi camerieri professionisti, tutto bene. Altrimenti… Beh avete certamente un marito, un amico, un compagno, un cugino o un papà che saranno lieti, se di carattere gioviale, di darvi una mano e rendere meno formale la serata.
Vestiteli con grembiuloni come nei bar parigini: saranno orgogliosi e creeranno una bella atmosfera.

Detto questo, non manca che dedicarsi alla preparazione del cibo: ma questo lo tratteremo un’altra volta.

Buon divertimento care amiche
Ester

CENA IN PIEDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *