10201629747936549
Ricette

Spaghetti e uova e spaghetti di Posillipo – ricetta classica

A voi la ricetta degli spaghetti con uova e degli spaghetti di Posillipo noto piatto partenopeo, per chi ha poco tempo e vuole certezze sul gradimento di quanto servito per la serata, per un incontro tra amici, per guardare la partita mangiando sul divano, o perchè no, per una spaghettata di 100 grammi abbondanti in solitudine.

Spaghetti e uova

Ingredienti per 4 persone:

400 gr di spaghetti, 50 gr. di burro, 1 cucchiaio di palla liquida, 3 uova, 50 gr. di parmigiano, sale

Preparazione: Lessare la pasta in acqua bollente salata. Intanto sbattere le uova in un tegame e aggiungere il sale, la panna liquida e il formaggio. Scolare gli spaghetti al dente e versarli in padella nella quale sarà stato cotto il burro a color nocciola. Far addensare il tutto e togliere dal fuoco dopo pochi minuti.

 

Spaghetti di Posillipo

Ingredienti per 6 persone:

700 gr di spaghetti, 600 gr di cozze, 600 gr di vongole, 600 gr di gamberi, 700 gr di pelati, olio, aglio, prezzemolo e pepe

Preparazione: Imbiondire l’aglio nell’olio, versare i pelati e lasciar cuocere a piacere. Poi aggiungere le vongole, le cozze e i gamberi sgusciati, i polipetti tagliati a pezzetti. Salare e pepare. Lasciar cuocere 5 minuti. Intanto cuocere la pasta, scolarla al dente e condirla con il sugo preparato. Una spolverata di prezzemolo chiude la preparazione.

 

Gli spaghetti rappresentano gli italiani nel mondo, ricordiamo Alberto Sordi in questa occasione con le immagini della mitica spaghettata nel film Un americano a Roma del 1954.

Curiosità: lo spaghetto con polpette chiamato “Bolognese”, il più famosi al mondo tra i piatti italiani, in realtà non esiste.  Gli “spaghetti western” sono i film girati con poco budget negli anni 70 da Sergio Leone.

In Italia si usa mangiarli senza il supporto del cucchiaio, ma questa è una regola spesso disattesa. Inoltre, vanno cotti interi e non spezzati a metà, ma anche questa è una regola non sempre osservata.

E buon appetito…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *